Il mio carrello

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale carrello: 0,00 €
Procedi al Checkout

Mostra Carrello

Aglio Rosso di Proceno

Aglio Rosso di Proceno

L’aglio rosso è una tipologia particolare di aglio con la tunica di colore rosso che viene coltivato principalmente a Proceno ed in alcuni comuni limtrofi.


Fin dai tempi antichi questo prodotto è particolarmente apprezzato e ricercato in cucina per il suo sapore unico e delicato.


A questo prodotto viene dedicata anche una sagra che si celebra ogni anno ad agosto, dopo che il prodotto è stato raccolto, seccato ed è pronto per il consumo.

Caratteristiche Enogastronomiche

L’aglio rosso è caratterizzato da un bulbo di medie dimensioni e da una pellicola esterna tendente sul rosso, da cui prende il nome. Il suo sapore è inconfondibile in quando abbastanza forte e leggermente piccante. Una caratteristica che rende questo prodotto unico è che si conserva molto più a lungo e meglio di molte altre tipologie di agli.



Tutte queste caratteristiche sono dovute al terreno ed alla zona in cui viene coltivato. Infatti il clima mite ed il terreno prevalentemente argilloso, di origine vulcanica, sono delle condizioni ideali per la crescita di questo aglio.



Viene seminato tra dicembre e febbraio, e raccolto tra giugno e luglio. Alla raccolta segue l’essiccazione che dura circa 2 mesi alla fine dei quali può essere consumato.



L’aglio rosso è perfetto per essere consumato fresco ad esempio sopra una bruschetta, ma spesso viene anche cotto ed usato per prelibatezze locali, come ad esempio il pane con burro e aglio, i lombrichelli all’aglione o l’anello all’aglio.



Per scoprire tutti gli altri prodotti tipici della Tuscia vai a questa pagina.

Storia

Questo particolarissimo aglio ha una storia lunghissima, infatti già gli Etruschi lo usavano per condire i loro piatti. Inizialmente cresceva spontaneamente nelle colline della Tuscia, ma con il passare del tempo si imparò a coltivarlo ed a concimarlo con la cenere, cosa che viene fatta ancora oggi.



Alcune testimonianze storiche ci dicono che nel 500 era uno tra i prodotti più diffusi nella Tuscia, non solo per le sue proprietà alimentari, ma anche per scopi farmaceutici e terapeutici.

Per le gente del luogo è un prodotto talmente importante che a partire dal 1980 ogni anno si celebra con una sagra che viene fatta ad agosto, dopo la raccolta.

Prodotto tipico di...