Il mio carrello

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale carrello: 0,00 €
Vai alla Cassa

View Cart

3 idee per l'estate nella Tuscia

La Tuscia in estate regala una miriade di possibilità e meraviglie: si passa dal mare alla montagna, dai laghi ai parchi e le Riserve naturali, senza dimenticare gli eventi e il buon cibo. Cosa aspettate?

Ecco qualche suggerimento su quello che potreste vivere in estate nella Tuscia!

I laghi vulcanici della Tuscia

lago di vico Tuscia

Ne abbiamo già parlato, è vero, ma non ci stancheremo mai di raccontare quanto belli e vari siano i laghi della nostra Tuscia.

Il primo, quello di Bolsena, è il lago vulcanico più esteso in Europa. Le due isole Bisentina e Martana che spuntano al centro delle sue acque sono la testimonianza dell’attività vulcanica lunga millenni che ha interessato questo territorio.

Qui, oltre a rilassarvi nelle acque del lago potete andare alla scoperta di borghi deliziosi come Marta, Montefiascone, Bolsena e Capodimonte e provare i prodotti locali tra cui i famosi vini Cannaiola di Marta ed Est, Est, Est.

Se invece avete bisogno di maggiore relax allora potete optare per il più piccolo e naturale Lago di Vicocircondato da una fittissima vegetazione è più incontaminato e il meno urbanizzato e permette di trascorrere delle giornate in armonia con la natura, tra relax e tanto sport all'interno della Riserva Naturale del Lago di Vico.

Meritano una sosta i vicini paesi di Caprarola, famosa per il suo Palazzo Farnese e Ronciglione: non dimenticate di assaggiare i prodotti tipici della zona, prima fra tutte la Nocciola della Tuscia. 

L'ultimo grande lago della Tuscia è quello di Bracciano anche se in realtà ci troviamo già nella Tuscia Romana, a poca distanza dalla Capitale. Da vedere i borghi di Trevignano Romano ed Anguillara e il bellissimo castello Orsini Odescalchi di Bracciano, di origine medievale, oggi sede di importanti eventi e manifestazioni pubbliche e private.

Se volete un'immersione nella natura il Parco Naturale del lago di Bracciano, che comprende anche il piccolo Lago di Martignano, anch’esso di origine vulcanica, è quello che fa per voi.

I borghi di tufo

calcata Tuscia

L'origine vulcanica del territorio della Tuscia traspare anche e soprattutto dalla natura di molti suoi borghi, arroccati su speroni di tufo e peperino.

Civita di Bagnoregio è sicuramente quello più caratteristico e famoso: la cosiddetta "città che muore" infatti è sospesa nella Valle dei Calanchi e regala scorci mozzafiato a chi si incammina sull'unico ponte pedonale esistente e ne raggiunge gli stretti vicoli e le piccole piazze.

Altro luogo da non perdere nella Tuscia è Calcata, il borgo degli artisti, risorto a nuova vita dopo l'abbandono della prima parte del Novecento e popolato ora da artisti italiani ed esteri che qui, su uno sperone che guarda sulla Valle del Treja hanno trovato il loro angolo di paradiso.

E ancora Vitorchiano, Blera, Barbarano Romano e Bomarzo, con il suo Parco dei Mostri, assolutamente da visitare!

Le feste del vino

Festa del Vino Vignanello

Nelle campagne della Tuscia, particolarmente fertili proprio grazie alla loro origine vulcanica, si producono vini di ottima qualità.

Ne nasce un'importante produzione locale che ricade sotto il marchio Tuscia Viterbese e comprende tutti i vini D.O.C. (Denominazione di origine controllata) e I.G.T. (Indicazione geografica tipica) dell’intera provincia di Viterbo.

Un prodotto tipico locale che non poteva non essere festeggiato a dovere, con una serie di manifestazioni e feste imperdibili che animano tanti borghi della Tuscia, tra luglio e agosto.

Ogni anno torna infatti l’appuntamento con le Feste del Vino della Tuscia nei Comuni di LubrianoCivitella d’AglianoTarquiniaGradoliMontefiascone, Castiglione in TeverinaMartaVignanello e Acquapendente.

L’iniziativa è promossa dalla Camera di Commercio di Viterbo con il patrocinio di Regione Lazio, Provincia di Viterbo, Arsial, Ass. Città del Vino ed Enoteca provinciale della Tuscia e propone a visitatori e turisti un ampio calendario di appuntamenti con degustazioni condotte da sommelier specializzati e giornalisti.

Se state organizzando un viaggio in estate nella Tuscia non potete perdere l'appuntamento con le Feste del Vino della Tuscia che rappresentano una tradizione e un vero e proprio patrimonio culturale e svolgono un ruolo di primo ordine nella promozione di un territorio che sull’agricoltura e sul turismo dovrebbe e potrebbe basare la propria economia.