Il mio carrello

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale carrello: 0,00 €
Vai alla Cassa

View Cart

L'olio della Tuscia: scopri tutto sull'olio extravergine d'oliva di Viterbo

L'olio extravergine d'oliva della Tuscia è un prodotto di eccellenza, uno tra i migliori oli in Italia.

Gli uliveti, che ricoprono una notevole area del territorio della Tuscia (si parla di quasi il 7% della superficie agricola provinciale) sorgono su terreni di origine vulcanica e quindi particolarmente fertili e ricchi di sostanze nutritive preziose per la crescita delle piante stesse.

Storia dell’olio della Tuscia

La coltura (e la cultura) dell’olio nella Tuscia ha radici antichissime e si spinge fino al tempo dei Greci che ne avrebbero importato qui la coltivazione.

Furono gli Etruschi, ad ogni modo, a diffondere la conoscenza dell’olio e delle tecniche per la sua estrazione; i loro dipinti e affreschi su vasi e suppellettili raccontano infatti il momento della raccolta e della spremitura delle olive e sono una testimonianza importante per la ricostruzione della storia dell’olio della Tuscia.

L’olivo era ritenuto dagli antichi una pianta sacra, legata a leggende e dono degli dei; i suoi frutti dal sapore tendente all’amaro venivano addolciti con tecniche come quella della salamoia o con l’immersione in acqua profumata e speziata.

L’olio che se ne estraeva era, insieme al vino, uno dei prodotti principali di tutto il Tirreno e aveva impieghi molteplici; esso veniva infatti usato nelle ricette del tempo, ma era anche utilizzato come olio per ungere il corpo di atleti e militari e per accendere il fuoco delle lucerne.

L’olio della Tuscia oggi

L’olio della Tuscia, nelle sue diverse varietà, si distingue per vivacità, freschezza e accento fruttato.

Olive della Tuscia

Il fertile terreno vulcanico, la potatura a mano, la raccolta realizzata a mano o al massimo con l’ausilio di bacchiatori a spalla, l’assenza di prodotti chimici e il conferimento rapido al frantoio per la spremitura sono tutti elementi importanti che contribuiscono all’assoluta qualità del prodotto finale.

La sicurezza e la qualità dell’olio della Tuscia è garantito anche dal Marchio collettivo Tuscia Viterbese, il marchio di garanzia, assegnato dalla Camera di Commercio di Viterbo alle aziende che rispondono a rigorosi standard qualitativi di sicura affidabilità.

L’olio extravergine di oliva che ne scaturisce è elemento essenziale della cucina della Tuscia, ingrediente base di tutte le ricette tipiche della nostra terra.

Minore è il tempo che intercorre tra la raccolta e la spremitura delle olive, migliore sarà la qualità del prodotto finale, a bassa acidità.

Sono moltissimi i frantoi della Tuscia che praticano l’estrazione a freddo con moderne macchine che garantiscono la qualità dell’olio prodotto, ad alto valore nutrizionale, ricco di antiossidanti naturali che sono di grande aiuto nel ridurre il colesterolo e rallentare l’invecchiamento cellulare.

La produzione DOP, a Denominazione di Origine Protetta,  dell'olio nella Tuscia, avviene principalmente nei territori presenti lungo l'asse geografico che collega Vetralla a Canino, passando per Viterbo; si sono distinti negli anni il DOP Canino e il DOP Tuscia, che scopriamo di seguito più nel dettaglio.

Il DOP Canino

Si tratta del primo Olio della Tuscia che ha ottenuto il prestigioso riconoscimento DOP, nel 1998.

Prende questa denominazione l’olio extra vergine di oliva che si estrae da olive di qualità "Canino", "Leccino", "Morraiolo", "Frantoio" e "Pendolino".

È un olio dal colore verde intenso smeraldo, con riflessi dorati, dall’odore fruttato che ricorda il frutto ancora integro e dal sapore fruttato medio, con sottofondo di amaro e piccante di intensità variabile.

Perfetto a crudo sulle verdure o nelle minestre, esso si presta benissimo come olio per le fritture, grazie alla sua resistenza alle alte temperature.

Il DOP Tuscia

Il suo riconoscimento come DOP risale al 2006; esso nasce da terreni vulcanici, è un olio mediamente fruttato, ha un colore dorato e un sapore piccante armonico, meno deciso e più delicato rispetto al “Canino”.

Esso si divide poi in diverse tipologie a seconda della zona della Tuscia in cui viene prodotto e delle caratteristiche del terreno su cui sorgono gli uliveti stessi.

Possiamo distinguere per esempio:

Il DOP Tuscia Teverina: prodotto prevalentemente con olive di qualità "Frantoio" e "Foggiasca". Si tratta di un olio delicato e abbastanza dolce, usato anche e soprattutto nelle ricette a base di pesce.

Il DOP Tuscia Colli Cimini: un olio più deciso, prodotto da 4 tipologie di olive diverse: "Caninese”, “Bolzone”, “Olivone”, e “Morraiolo”.