• Gradoli

    Gradoli è un comune della provincia di Viterbo che dista dal capoluogo, circa 35 Km.
    Si trova sulle colline nord-occidentali del Lago di Bolsena su di uno sperone tufaceo, posto nel cuore dei Monti Volsini.



    Terra di produzione del vino DOC Aleatico di Gradoli DOC Aleatico di Gradoli , dell’ Aleatico di Gradoli Liquoroso e dell’Aleatico di Gradoli Liquoroso riserva, Gradoli è un paese che vive di agricoltura e turismo.



    Il paesaggio di Gradoli, si compone di ampie colline e vallate, in cui la coltivazione di vite e ulivi è molto diffusa.



    A pochi Km dal lago di Bolsena, il suo territorio comprende circa 11 Km di spiaggia sulle rive del lago.


    Molto suggestiva è poi la manifestazione del "Pranzo del Purgatorio", allestita nel giorno delle Ceneri dalla Fratellanza del Purgatorio. Questa confraternita inizia il suo lavoro il giovedì grasso, girando per le vie del paese e bussando ad ogni porta, chiedendo doni in natura che poi vengono messi all'asta. Il ricavato poi serve per allestire il pranzo nella Cantina Sociale.



    Degno di nota è sicuramente il Palazzo Farnese di Gradoli, risalente ai primi del Cinquecento su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane. Il Palazzo ospita "il Museo e Centro di Documentazione del Comune Farnesiano" dove sono riprodotti accessori del '400 -'500 e '600.


    Accanto al palazzo, sorge la Collegiata Barocca di Santa Maria Maddalena, mentre sulle sponde del lago di Bolsena, è possibile ammirare la chiesetta di San Magno.



  • Storia di Gradoli

    Gradoli, situato su di una collina tufacea, si trova a poco distanza dal lago di Bolsena.

    Notizie certe su Gradoli, si hanno intorno al 1113 d.C., quando Matilde di Canossa, donò alla Chiesa una serie di possedimenti, tra cui il Castrum Gradolarum, che costituivano quella che viene indicata come Val di Lago.

    Il Castello di Gradoli era imponente e fortificato, possedeva una rocca e probabilmente un fossato, ora trasformato in strade e piazze, ma di cui ancora è visibile la forma.

    Nel XIII secolo la Chiesa si trovò in contrasto con Orvieto, che da tempo anelava il possesso di queste ed altre terre circostanti. Durante questo secolo si alternò il dominio della zona da parte della Chiesa e da parte di Orvieto. Le controversie continuarono fino a che le due parti non trovarono un accordo per reggere insieme il dominio sulla Val di Lago.

    Stufi di avere due padroni, gli abitanti di Gradoli e degli altri paesi, provarono, con scarsi risultati a ribellarsi.

    Nell prima metà del XIV secolo, Gradoli subì un grave saccheggio, ad opera di Ludovico il Bavaro. In questo periodo un manipolo di 300 concittadini validi alle armi, provarono a resistere all’assedio e alla distruzione, ma dovettero arrendersi per la fame.

    Nel XV secolo, il paese venne poi diviso tra Papa Eugenio e la famiglia Farnese a cui nel 1505, passò in vicariato perpetuo. In questo periodo Gradoli rifiorì e divenne uno dei principali centri del Ducato di Castro. Nello stesso periodo Papa Paolo III prese Gradoli come sua residenza e fece abbattere le rovine del vecchio castello, costruendo la sua nuova residenza, il Palazzo Farnese di Gradoli.

    Dopo il declino della famiglia Farnese e la distruzione del Ducato di Castro, Gradoli tornò alla Chiesa e nel 1871 entrò definitivamente a far parte del Regno d’Italia.

  • Eventi Gradoli

    • Tentavecchie: nei 3 giorni che precedono l’epifania, a Gradoli si festeggia la Tentavecchie. In questa occasione persone di ogni età, si ritrovano la sera nella piazza centrale, armati di coperchi, campanacci ed in generale di qualsiasi strumento idoneo a produrre rumore.
    • Pranzo del Purgatorio: manifestazione che da più di 500 anni si svolge a Gradoli e che consiste in un pranzo, che si tiene ogni Mercoledì delle Ceneri.
    • Aleatico in Festa: mercatini, stand gastronomici e tanta musica per apprezzare il vino Aleatico.

    Scopri gli eventi in corso

  • Prodotti tipici di Gradoli

    • Vino Aleatico: vino rosso, con tonalità violacee, finemente aromatico, con un aroma fruttato e un gusto morbido.
    • Vino Aleatico Liquoroso: colore rosso granato, molto aromatico e caratteristico, ha un sapore pieno e dolce, molto gradevole.
    • Vino Grechetto: vino bianco e rosso. Il bianco ha un odore delicato e vinoso, mentre il sapore è secco e fruttato, con un leggero retrogusto amarognolo. Il Rosso ha un odore molto caratteristico e fragrante, sapore secco, sapido e molto armonico.
    • Grappa: grappa nobile di acquavite, di grande equilibrio e con sfumature di frutta matura, dal sapore caldo e armonico.
    • Olio extra vergine di oliva: olio a bassa acidità, dal sapore e dall’aroma deciso. Ottimo come condimento per le pietanze locali.
    • Fagiolo del purgatorio: fagiolo bianco, di piccole dimensioni e dal sapore delicato. E’ ottimo come contorno per le ricette tradizionali del luogo o da solo cucinato con aglio, salvia, alloro e sale.
    • Patata dell’alto viterbese IGP: ricca di principi nutritivi presenti nel terreno di coltura, la patata dell’alto viterbese è un prodotto ottimo. A pasta gialla ha un alto contenuto di amido, potassio e vitamina C.
Inserisci la tua azienda

Partner e Sponsor Ufficiali

1604lab S.r.l.
Fotoclick Caprarola
Pack Eat Easy
ExtraVoglio
Informa Giovani
Eventi della Tuscia